Luigi

Versione in ricostruzione

Al peggio non c’è mai limite

La mia situazione non si schioda, credo di essermi incagliato in una palude dalla quale non vado né avanti né indietro.
In compenso, c’è anche chi va a fondo.

Argentina si trova in una situazione simile alla mia. Peggio della mia. E ha preso la mia stessa decisione.
Ha levato le tende e se n’è andata da casa. La sua situazione è decisamente peggio della mia, non se la passa bene da nessun punto di vista.
E per mettere la ciliegina sulla torta, ieri è stata tamponata.
Lei non si è fatta niente, ma l’auto è da buttare e lei non potrà venire a scuola per qualche giorno.
E deve ancora essere interrogata in una grandissima quantità di materie, salterà tanti compiti in classe che dovrà recuperare. Come?
Non lo so.
Appena riuscirò a sbolognarmi qualcuna delle interrogazioni che ho, spero di poterle dare una mano.
Se non ci si aiuta tra profughi…

1 Comment

  1. Posso dare una mano anch’io se vuoi. In fondo, sono anch’io un profugo di questo mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2020 Luigi

Theme by Anders NorenUp ↑