Luigi

Versione desertica

Author: Luigi (page 1 of 33)

Lo specchio

Non ho un grande rapporto con gli specchi. Non è una novità e non è un segreto. Tutti quelli che mi conoscono lo sanno perché gliel’ho detto o perché si sono fatti delle domande vedendo come vado in giro vestito. La verità è che no, non mi guardo spesso allo specchio. Non mi interessa che cosa pensano gli altri a riguardo dei miei vestiti o di come li ho (o meglio, non li ho) “abbinati”, anche perché non so farlo, mi resta parecchio difficile e mi porta via una quantità di tempo imbarazzante, per cui evito direttamente di provarci.

Ho talmente poco rapporto con gli specchi che in camera non ne ho uno, e in tutta casa non credo ce ne sia uno dove specchiarmi per intero. No, generalmente non mi guardo allo specchio, ma ogni lo faccio anche io.

Continue reading

La bussola

In tempi recenti mi sono reso conto di come tutti i traguardi che ho raggiunto e che ad amici e parenti sono sembrati “straordinari” e che a me invece non apparivano affatto fuori dal normale, dipendessero da una cosa che io avevo e che altri invece non avevano.

Non lo dico per vantarmi, perché non si è trattato di qualcosa che io abbia ottenuto con fatica e che quindi mi sia meritato, è stato davvero un colpo di fortuna che io l’abbia avuta, e mi dispiace, veramente, per chi invece non ce l’aveva. Non è una cosa che uno ha in maniera innata, la incontra durante la vita, chi prima e chi dopo, e come succede per tutte le cose che uno dovrebbe incontrare durante la vita, qualcuno non la incontrerà neanche mai. E questo mi dispiace, perché come tutte le cose che uno può incontrare o meno durante la vita, e che sarebbe bene che tutti incontrassero, è profondamente ingiusto che il poter incontrare questa cosa o meno sia in mano ai dadi, alle carte, al destino, o a come volete chiamare Dio.

E mi dispiace per un secondo motivo: perché per anni mi sono battuto per combattere un pensiero abbastanza comune, che professava la presenza di qualcosa di speciale nelle mie azioni, qualcosa di soprannaturale, di raro, per cui quello che potevo fare era magicamente più facile da fare per me piuttosto che per gli altri. L’ho combattuto perché è una spiegazione troppo di comodo che i miei amici potevano usare quando non riuscivano a fare qualcosa, perché nessuno di loro aveva niente in meno rispetto a me, perché sapevo che anche loro avrebbero potuto fare quello che facevo io e perché volevo che lo facessero anche loro. Alla fine mi sono dovuto arrendere al fatto di avere torto: sì, avevo qualcosa che gli altri non avevano. E in barba a tutta la meritocrazia che ho sempre cercato nella scuola come nell’università e nel lavoro, non avevo neanche fatto niente di speciale per meritarmelo: avevo solo avuto la fortuna di inciamparci sopra, un giorno molte vite fa.

Continue reading

Macerie

Ho paura.

È un sacco di tempo che non torno qua. Sono diversi giorni che vorrei tornarci, ma ho paura. Ho paura di quello che troverò. Ho paura di come reagirò.

Ho paura.

Non sono mai stato una persona coraggiosa, al contrario. Credo che la paura abbia una grande importanza nel tenerci lontani dai guai.

Ho rispetto della paura, ma sono settimane che sento di aver bisogno di tornare in questo luogo di riflessioni. Ho paura di ciò che succederà, come l’ho avuta negli ultimi giorni, ma questa sera non ho nessuna scusa davvero buona per stare alla larga da qui.

Continue reading

Urlare

Dirigersi, soli, in silenzio, lontano. Dove, non fa differenza, l’importante è che sia veramente lontano. Lontano da tutti, lontano da ogni forma di vita, lontano dagli amici, dai parenti, dai rompicoglioni, dai passanti. Lontano.
In mezzo ad un campo, o tra i sentieri tutti uguali di un bosco sconosciuto, dentro gli scavi di un cantiere deserto, o sulla cima di un monte, da cui poter guardare con distacco il resto del mondo, perché in quel momento il resto del mondo non conta niente.
Immergersi nei pensieri, soli, seguire il filo di ogni ragionamento, raggiungere il nodo in cui si intreccia col prossimo e ripartire da capo. E così, ancora e ancora, sapendo che non c’è via di fuga da quel labirinto di pensieri, consapevoli che la soluzione non può trovarsi in nessuno di quegli intrecci, su nessuno di quei fili, e quasi certamente neanche nell’insieme di quella confusione di nodi. Ricominciare da capo, raggiungere la stessa conclusione, e provarci lo stesso ancora, fino allo sfinimento.

Raggiungere lo sfinimento.
Continue reading

Prospettive

Sono un bravo ragazzo. Insomma, non mi fermo agli angoli delle strade per aiutare le nonnine ad attraversare, però mi fermo se sono al volante e le aspetto. Metto la freccia nelle rotonde. Rispetto le file nei negozi e non ho mai rubato un bicchiere in un pub perchè mi piaceva. Butto le gomme da masticare nei secchi, non parlo con la bocca piena. Insomma, sono un bravo ragazzo.
No?

Continue reading

Il ballo del disoccupato

A tutti quelli che mi hanno chiesto “Cosa vuoi fare dopo la laurea?” io ho dato sempre la stessa risposta:

dormire.

Continue reading

Nella vita ho sbagliato tutto*

*Secondo gli altri.
Qualche tempo fa riflettevo (eh no, non sono ancora riuscito a togliermi questo brutto difetto, ma prima o poi ci riuscirò!) sul fatto che secondo chi mi stava intorno, fino ad ora non ho mai azzeccato una sola scelta nella vita.
Oggi vi racconto dove mi ha portato il vecchio detto “sbaglia sempre con la tua testa”.
Continue reading

25% completato

Sto ancora provando a smaltire tutti i post arretrati che ho accumulato. Pian pianino forse ci riusciamo…

Continue reading

Il treno della vita (Parte 2)

È passata una settimana dagli eventi raccontati nella puntata precedente. È stata una settimana strana e piena di messaggi, telefonate e pensieri, ma anche di eventi scollegati da questa vicenda. I più importanti finiranno in un altro articolo ancora (ve l’ho detto che me ne sono successe di cose!), per il resto, ecco com’è andata la storia.

Continue reading

Il treno della vita (Parte 1)

Pensavo alla quantità di cose che mi è capitata in questi tre mesi dopo la laurea. Ne sono successe talmente tante, che mi è sembrato di essere sopra un treno lanciato alla massima velocità in qualche direzione ignota. In alcuni momenti avrei voluto sapere dove trovare il freno d’emergenza di questo treno impazzito, per andare a tirarlo ed avere un po’ di tempo per riflettere, per capire se volevo andare nella stessa direzione del treno oppure no. E mentre stavo ragionando su questa simpatica metafora, mi sono ricordato di Silvertear e di OutPhase, due ragazzi con cui chattavo su IRC una vita fa. Ancora prima di incontrarli, suonavano in un gruppo, i Sala 5, ed avevano scritto una canzone con la stessa identica metafora. Guarda tu che giro strano che ha fatto la mia mente.

In realtà il treno ha un’altra ragione di trovarsi come titolo di questo articolo, e cioè che dopo la laurea ho fatto alcuni viaggi con questo mezzo di trasporto. Neanche tanti in realtà, solo tre (e tutti nello stesso posto!), però sono stati tre viaggi a loro modo tutti importanti. Oggi vi parlo del primo.

Continue reading

Older posts

© 2017 Luigi

Theme by Anders NorenUp ↑