Versione in ricostruzione

San Valenchi?

Dalla regia mi comunicano che domani è San Valentino.
San Valen… Chi?

*Inserire chiave di ricerca*
San(spazio)Valentino(invio)
*Ricerca in corso…*
*Nessun risultato trovato per “San Valentino”, provare con uno dei seguenti file:

  • Sant’Antonio (Catena di)
  • Dolciumi
  • Sdolcinatezze
  • Romanticherie
  • Acidume

Romanticherie,(spazio)Dolciumi,(spazio),Sdolcinatezze(invio)
*Apertura dei file “Romanticherie”, “Dolciumi” e “Sdolcinatezze” in corso…*

Diciamo le cose come stanno, non ho mai festeggiato San ValenGino, anche perchè credo sia una festa consumistica come poche sanno esserlo. E magari anche perchè non ho mai avuto qualcuno con cui festeggiarlo, perchè no?
Comunque, siccome un po’ di fantasia e di tempo da perdere ce l’abbiamo (se non aveste tempo da perdere non stareste qua no?) vi voglio raccontare quella che sarebbe la mia serata di San Valentino.
Un po’ anche perchè, la stessa Sgargy che a Dicembre mi ha detto di volermi vedere più romantico, lei che quindi si presuppone sappia che cosa sia la romanticheria, si è spomiciata un tipo in discoteca, uno di quelli che non sa mettere due parole in fila, come dice lei, solo perchè aveva un piercing sulla lingua. Ed anche per sventolarlo alla classe, per guadagnarne cosa? Visibilità? Importanza? Mah, a me son cascate le palle a sentire un discorso del genere. Comunque, torniamo alla mia serata ideale, che la Sgargy continuerà ad ignorare, ed è un bene che sia così. Perchè quella serata è la mia. E di chi vorrà trascorrerla con me, ovviamente.
La mia serata comincia quando è già buio, e lei arriva, ma subito dopo essere entrata in casa, le dico di chiudere gli occhi.
E la porto, bendata, guidandola con la voce, ed accompagnandola per mano, poi le chiedo di fermarsi, e mi allontano un attimo da lei.
Sparisco nel silenzio e nell’oscurità, e solo dopo qualche istante le dico che può aprire gli occhi.
E mentre lei scorge nella penombra la tavola apparecchiata, appena illuminata dalle candele accese di due candelabri, in quel preciso momento, la stanza inizia a riempirsi di una delicata musica, che sembra provenire dal nulla.
E questa è la piccola magia del mio personalissimo stereo invisibile. Un iPod nano nero, di prima generazione, che appoggiato su una superficie piana diventa praticamente tutt’uno con essa, collegato a due piccole casse disposte in zone non illuminate della stanza, e di fatto difficili da scorgere. E non c’è bisogno che io mi avvicini all’iPod per cambiare canzoni, perchè sono già state accuratamente scelte e disposte in ordine in una playlist, che le riprodurrà esattamente così come le ho pensate io. E per evitare ogni imprevisto, l’iPod è collegato alla presa di corrente e non c’è rischio che si scarichi.
Intanto che la musica riempie la stanza, breve conversazione occhi negli occhi, qualche battuta e qualche risata. Poi si passa alla cena. Niente di troppo ricercato per non rischiare di farle trovare nel piatto qualcosa che poi non le piace.
Conversazione, non troppa, non troppo poca, ma mai assente. Odio le coppie che più che persone sembrano statuine di gesso. Bottiglia di spumante in frigo, si tira fuori dopo la cena, e si brinda.
La serata però non finisce, manca il dolce.
Il dessert, è il nemico numero uno di qualunque ragazza. Ed il dessert che ho scelto io è il più terribile immaginabile. Niente sacher, ma una splendida e calda coppia di tazze di pregiata cioccolata calda, fondente NERO Perugina.
Pentolino, latte, cioccolato fondente, e due ottime tazze di cioccolata calda e fumante, ovviamente preparate li per lì, altrimenti che senso avrebbe.
E poi, all’improvviso, a sorpresa, sparisco dal salone, dietro una tenda, per riapparire un istante dopo con una rosa in mano.
Rossa, ovviamente.
Il resto della serata non posso certo pianificarlo io, certe cose si fanno in due.

3 commenti

  1. Iorichan

    u_u tsè..
    troppo mieloso…

  2. Ex3me

    ma va?! 😮

  3. Lo Zio

    mi avvalgo della facoltà di non rispondere… per sapere quello che penso contatta il mio avvocato. E’ meglio per tutti credimi. 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2020 Luigi

Tema di Anders NorenSu ↑