Luigi

Versione desertica

Ritratto di una persona

Lo Zio mi ha ritratto in un momento di noia, e non dite che non è un artista: non è da tutti creare un’opera del genere con paint!

Quest’opera mi ha dato modo di riflettere, e di dare sfogo ad un po’ dei pensieri deprimenti che mi giranto in testa da molto tempo, direi quasi qualche anno, e che ultimamente si sono ammassati insieme agli altri. Cerco di tirarli fuori per fare spazio, purtroppo non posso comprare altra memoria, e quella che ho l’ho riempita di roba e devo cominciare a selezionare cosa tenere e cosa no.

Avete presente quando andate in soffitta (o in cantina, o nel ripostiglio, o sotto al letto) e vi mettete a fare posto, perchè avete deciso a vostro insindacabile giudizio che c’è roba che non serve? Prendete un po’ di tempo ed iniziate a fare l’inventario di quello che avete. Allora tirate giù un vecchio libro da uno scaffale, lo aprite, e vedete che è un album di foto che contiene ricordi di una parte della vostra vita, così lo prendete e lo mettete da parte, perchè quello va tenuto. Poi aprite uno sportello e tirate fuori una scatola che contiene le collezioni delle sorpresine degli ovetti Kinder che adoravate quando eravate piccoli (e che sono tutte rigorosamente incomplete tranne una, che però vostra madre ha buttato via durante il trasloco 😐 ) e decidete che potete anche fare a meno di quelle cose, così le mettete da un’altra parte, pronte per finire rivendute ad un qualche appassionato, oppure tra i rifiuti.

E’ la stessa cosa che sto facendo io, rovisto tra i cassetti impolverati che tengo in mente e scelgo cosa tenere e cosa no. Poi però ogni tanto salta fuori qualcosa su cui non si sa prendere una decisione, e allora ci si siede un attimo da una parte, su una vecchia poltrona impolverata si tiene un po’ in mano quest’oggetto di cui non si sa cosa fare e ci si pensa su.

Questa sera il disegno dello Zio mi ha fatto pensare su. E sto pensando all’idea che gli altri hanno di me. Non ho mai dato grande importanza a quello che pensano gli altri, né intendo dargliene troppa ora, solo ho voluto rifletterci un po’. Perchè, magari un po’ esagerando, gli altri mi credono un genio, o comunque qualcosa che gli somiglia. Io però non mi sento affatto così. Non è vero che sono il genio che in venti minuti ha studiato tutto ed è pronto per portarsi a casa un voto senza fatica. Non è neanche vero che sono un genio dell’informatica, né che sono un Latin Lover come qualcuno ultimamente si ostina a chiamarmi. Non è vero.

Non ho dei neuroni più svegli di quelli degli altri, le stesse cose che faccio io potrebbe farle chiunque. L’articolo più letto del mio blog, quello su come si creano le userbar, non è frutto della verità che alcuni credono io abbia in tasca. In tasca al momento ho un pacchetto di fazzoletti, a voler essere precisi. Tutto quello che ho fatto è prendere un programma che non sapevo usare e provare a fare una userbar come le avevano tutti. Solo che tutti la facevano con Photoshop, perchè non si fanno scrupoli a scaricare un programma che costa oltre 1’000€, mentre io sono l’unico pirla che se li fa. E non ci volevo IO a fare una guida, bastava che chiunque prendesse in mano una guida per creare userbar per Photoshop, e si sbattesse quella mezza giornata necessaria a trovare le corrispettive funzioni in The Gimp.

Difficile? No, basta solo avere la pazienza di farlo.

Così come non è vero che sono un genio informatico. Non so fare niente di speciale, anzi, avrei molte idee in testa, ma mi mancano i mezzi per metterle in pratica. Non conosco nessun linguaggio di programmazione, tutto quello che so, sono alcune piccole cose su Windows. Questo significa essere geni? No. Io non so fare niente. Lui sa fare qualcosa. Io no. Quello che so fare io, chiunque può farlo, non ci vuole nessuna abilità speciale.

Serve solo pazienza.

Non è come disegnare o dipingere. Quella è una abilità in massima parte innata, si può esercitare quanto si vuole, ma se non si sa disegnare, non si sa disegnare, punto. Io non so disegnare, tra l’altro.

Per quanto riguarda lo studio, io non ritengo di fare niente di straordinario, sto interi pomeriggi sui libri come molte persone che conosco, studio e ripeto come fanno tutti gli studenti. Che cosa faccio di straordinario? Lo faccio in meno tempo di altri? E allora? C’è anche gente che lo fa in meno tempo di me.

E per quale motivo allora io non posso avere un dubbio, un momento di smarrimento, un problema, incappare in un errore, che subito si grida all’evento straordinario?

E per quale motivo poi non posso parlare dei miei dubbi o dei miei problemi, perchè qualcuno ne ha di peggiori?

Ho l’impressione che tutti da me si aspettino molto, tanto, forse anche troppo. La realtà è un’altra. Odio tutte queste aspettative, così come odio essere considerato quello che capisce e che se non capisce lui, allora rinunciamo; quello che sa come si fa, e se non sa lui come si fa, inutile provarci.
Non voglio che nessuno si senta in colpa per questi discorsi che faccio, non sono certo un disegno o una chiacchierata su WLM a farmi venire in testa questi pensieri. Era da molto che ce li avevo dentro, e da molto che ne dovevo parlare.

Non sentitevi in colpa davvero, non è un rimprovero né una critica. Anzi vi ringrazio, perchè avevo proprio bisogno di sfogarmi. Davvero.

Grazie allo Zio, e grazie a Lily, che mi hanno fatto tirare fuori sti problemi che ogni tanto mi giravano in testa, ma che non si decidevano ad uscire.

E mo sono fuori, e guai se li vedo rientrare.

2 Comments

  1. Ciao Luigi, non avrei mai immaginato che uno stupido disegno col paint ti avesse turbato tanto….. Ritratto di un genio, una frase che mi dava l’idea di un non so che di artistico, una parola che focalizza l’attenzione sul disegno…. Ognuno di noi può essere un genio in qualsiasi cosa, purchè quella stessa cosa lo affascini e gli dia la possibilità di approfondirla… come può non esserlo ignorando (giustamente) una cosa che non gli compete….
    In filosofia questo termine viene associato ad una spiccata intelligenza o creatività… e non è forse creatività scrivere articoli in un blog, o magari creare il barbainstaller :-)??
    A modo nostro ognuno di noi è un genio !!!!! Saluti dallo Zio

  2. Arrivo un po’ in ritardo, l’articolo risale a più di un anno fa…quindi è evidente che il mio orologio presenta chiari sintomi di stanchezza. Il definirti genio non è una forma di offesa o qualcosa del genere, non sia mai, ma fin dal primo giorno che abbiamo parlato ho capito che tu non eri al mio stesso livello, conoscevi cose che io non immaginavo possibili e per quello che ho potuto vedere fino ad ora le mie intuizioni erano giuste.I tuoi ragionamenti sono giustissimi, non hai nulla in più di me, nulla in più di chiunque altro, ma riesci comunque egregiamente in tutto quello che fai. La mia non è invidia, ma profonda ammirazione nei confronti di una persona che sa e ha molto da dire. Sono molto colpito dal fatto che pur essendo consapevole delle tue doti, riesci a relazionarti perfettamente con la massa che ti circonda evitando di assumere quella classica posizione di dominio e supremazia da so tutto io che in molti con le tue conoscenze tendono ad avere, questo non è da poco. L’appellativo di genio te lo attribuisco anche perché fai sembrare facile ciò che non lo è, il fenomeno è colui che in una partita di basket riesce a rubare la palla all’avversario senza fare fallo, si percorre in lungo e in largo il campo, con un salto assurdo se ne va a fare canestro, lasciano gli altri incollati al suolo e può ripetere il tutto anche 10 volte di seguito, senza mostrare il minimo cedimento o il minimo sintomo di stanchezza, per lui quei movimenti sembrano normali. Questo sei tu, riadattando la situazione naturalmente, anche se l’altezza non ti manca; per il basket intendo. Quanto al Latin Lover non conosco bene la tua situazione ma se lo sei buon per te, ciao e in bocca al lupo per domani.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

© 2017 Luigi

Theme by Anders NorenUp ↑