Versione in ricostruzione

Notturno

Sono qui, a letto. Le mie dita viaggiano veloci e silenziose sopra i piccoli tasti bianchi del mio netbook. Sono qui. E penso.

Penso. E mentre penso indago, e mentre indago cerco. Cerco pezzi, pezzi di me, pezzi del mio cuore e pezzi della mia vita. Cerco di capire com’è successo che queste cose finissero in pezzi.

Penso a te, ma questo è scontato. Penso al tuo gesto con il braccio, mentre dicevi quelle parole con un sorriso che mi è sembrato quasi forzato. Un gesto ampio, orizzontale, con la mano di piatto, come una lama. Una lama che mi ha segato le gambe come se fossero state di burro, prima che riuscissi a finire di dire quello che volevo dire. Penso a quello che ho detto, penso a quello che ho fatto, penso a quello che ho pensato. Penso a come posso aver frainteso tutto, a come tutti hanno frainteso tutto, a come abbiamo visto tutti cose che non c’erano. E a come le ho viste io. Ce le ho tutte chiare davanti agli occhi, le immagini dei momenti a cui mi riferisco, e le tue parole risuonano nella mia testa in quello che mi appare come un controsenso. Penso a quello che è stato ed a cosa ne sarà. Non lo so, non lo so proprio, non sarà facile e comunque vada non mi piacerà.

Penso a me, e cerco di guardare cosa sono, nelle schegge più grandi di me che riesco a ricomporre. Sono di nuovo qua al computer, a battere tasti. E’ quello che faccio tutti i giorni in fondo. E’ quello che so fare meglio, tra l’altro. In fondo cos’ho fatto nella vita fino ad ora? Ho passato il tempo a studiare ed al computer. Ho preso il diploma alle superiori con 100 e lode, mi sono laureato in tre anni con 110 e lode, ho iniziato la specialistica ed ho già sostenuto i primi esami. Qualcuno mi ammira anche, per questo. Non ci vedo niente di ammirevole. Ho studiato, ho preso bei voti. E allora? Numeri, carta, niente più. Non mi servono, non ne ho bisogno. Sono freddi, distanti e non significano niente. Non significano niente. Non significano bravura, non certificano competenza. Non fanno compagnia, non mi aiutano, non mi fanno neanche sentire bene. Ce li ho addosso, mi si sono appiccicati addosso ormai, ma non li voglio.Le persone che mi ammirano per i miei risultati non sanno quello che ho dovuto sacrificare per averli. I risultati si vedono, i sacrifici no. So cosa pensano “li prendo io i tuoi risultati se non li vuoi”. Per mantenere lo scambio equo però, non immaginano da cosa dovrebbero separarsi. E se lo sapessero cambierebbero idea. Cosa ho dovuto dare per avere questi risultati? Tanto, forse anche troppo. Comincio a pensare che se avessi studiato di meno e vissuto di più, sarei meno laureato ma più felice.

Il computer si scalda, la ventola gira. Lo so che non dovrei tenerlo appoggiato sul piumone, perchè non è ben areato, ma sopporterà. In fondo le macchine per lo meno le capisco. Anche loro sono fredde e anche loro non mi rendono felice, ma devo accontentarmi,. Loro per lo meno non potranno ferirmi finchè non sapranno pensare. Farmi arrabbiare sì, ma ferirmi no. E la rabbia la so usare quindi non è un grande problema.

Dov’è la novità, quindi?

Sono solo, studio, e mi lamento di qualcosa. Tutto regolare. Come non essere d’accordo, è la verità. Forse questa volta è più sonora delle altre, forse questa volta ci avevo creduto di più. O forse sperato.

Chiudo il computer e lo metto via. Sento le coperte calde dove prima era appoggiato. E’ il massimo di calore umano che posso permettermi, e non è umano neanche per sogno. Mentre mi giro e mi rigiro nel mio letto matrimoniale che mi ricorda che appena due centimetri più in la di dove sono io c’è il vuoto, le tue parole ritornano nella mia mente come l’eco di una antica maledizione.

Siamo amici… Siamo amici… Siamo amici…

2 commenti

  1. MikiPlus

    Caro amico, tralasciando l’amarezza di questa situazione, non mettere in discussione più di quanto dovresti.
    I tuoi ‘veri’ amici, vedono il sacrificio allo stesso modo del risultato, e ti stimano per l’inestimabile purezza d’animo con cui riesci ad affrontare le difficoltà, non per la superficie; allo stesso tempo pretendere che tutti riescano a capire ciò è utopia.
    Detto questo, verrà il momento in cui capirai quali insegnamenti positivi ti darà anche questa esperienza…
    A presto

  2. Diego Russo

    Luigi, vai avanti. Non rimanere a piangerti addosso. Se questa esperienza è finita, evidentemente doveva andare così e non puoi farci niente.
    “Siamo amici”: fortunatamente le amicizie possiamo scegliercele e se questa persona ti ha ferito in qualche modo senza chiederti scusa, allora non è tuo amico. Non merita di esserlo. Lascialo stare. Fottitene. Vai avanti. E’ la migliore cosa che puoi fare.
    E come dice Mikiplus, questa esperienza ha sicuramente degli insegnamenti positivi. Sta a te trovarli e fartene tesoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2020 Luigi

Tema di Anders NorenSu ↑