Luigi

Versione in ricostruzione

Due compleanni ed una Pasquetta.

Il titolo voleva somigliare a quello di un film (che tra l’altro non credo di aver visto), ma non so quanto renda l’idea.

E alla fin fine… Chissene?

Long time no see… In effetti i vari articoli automatici contenenti i miei tweet mi sembrano erbacce che crescono nel blog e che non riesco ad estirpare. Credo che questo significhi che li disabiliterò e cancellerò quelli vecchi quanto prima. In fin dei conti io i miei tweet ce li ho tutti raccolti in un lungo file txt e posso rileggermeli, e voi potete leggerli se mi seguite su twitter… Quindi il fatto di postarli qua è abbastanza inutile. Dunque tre due uno kablam! Via i tweet.
Ora veniamo invece ai compleanni. I compleanni sono stati due. Beh in realtà credo più di due, ma quelli importanti erano due. Il mio e quello di @Eraty (che sebbene latiti sul blog e su msn, è abbasanza presente su Twitter).
Cronologicamente parlando, le cose si sono svolte più o meno in questo modo: sono stato contattato da Mushra (amica di Eraty) per conto della madre di Eraty (per la quale non dispongo di un soprannome e pertanto chiamerò MDEPLQNDDUS, che sta esattamente per Madre Di Eraty Per La Quale Non Dispongo Di Un Soprannome, o anche e solo MDE). In seguito sono stato contattato direttamente dalla MDE che mi ha chiesto di poter essere presente al compleanno della figliola, in qualità di sorpresa. Non avendo mai fatto la sorpresa, non avendo (troppo) da studiare, ed avendo voglia di fare un regalo ad Eraty, ho deciso di accettare e mi sono messo alla ricerca di un mezzo di trasporto abbastanza economico da permettermi di arrivare fino a Cygnus X-1 e ritorno nel giro di un weekend, senza morire dissanguato. La cattiva notizia è che questo mezzo di trasporto non esiste, la buona è che la MDE si è offerta di pagarmi metà viaggio, e così ho potuto fare questa esperienza.
In realtà ho rischiato di rovinare tutto quando, circa una settimana prima della partenza ho chiamato la MDE per chiederle un consiglio per un regalo per Eraty, che nonostante fosse presente nella stessa stanza di sua madre e nonostante abbia preso in mano lei il cellulare, fortunatamente non ci ha scoperto.
Così, dopo una sveglia alle 5 di mattina di un pigro venerdì, sono partito per la mia missione.
Con una sosta durata tutto il pomeriggio in quel di Pavia, a zonzo con Arius (se non ricordo male), il FDEPIQDDUSSMLR (Fradello Di Eraty Per Il Quale Dispongo Di un Soprannome Se Me Lo Ricordo), sono finalmente giunto in quel di Cygnus con il favore delle tenebre. Quì, Eraty era convinta di andare a cena con una sua amica in un certo posto dove fanno il sushi. In realtà la sua amica, ed un copioso nugolo di altri amici, compreso me, la aspettavamo in un ristorante limitrofo, pronti a farle prendere un infarto, ma a più riprese. Nello specifico io ero chiuso nel bagno (che ha la luce a tempo, quindi dopo i primi minuti me ne sono pure stato al buio), mentre tutti gli altri le facevano la prima sorpresa, e poi cercavano in qualche modo che non so di farle dire il mio nome. Quando finalmente questo è accaduto, sono potuto uscire dal cesso (neh) ed andarle a farla sentire in colpa per non avermi invitato.
Ora, ci aspettavamo diverse reazioni a questo e nell’ordine erano:

  1. Ma tu sei scemo (rivolto a me).
  2. Ma tu sei scema (rivolto a Mushra).
  3. Ma io ti ammazzo (ed annesso tentativo di omicidio, sempre rivolto a Mushra).
  4. Grazie (rivolto a me, visto che Mushra probabilmente sarebbe stata semisvenuta).

In realtà quello che abbiamo ottenuto è stato:

  1. Ma no non ci credo.
  2. (Inattesa commozione)
  3. Beh perchè vi sorprendete, sono una personcina sensibile io!

Il tutto immortalato (anche se probabilmente senza audio, o con audio molto basso, o con solo i commenti dei cameraman) in un video al quale però non ho ancora avuto accesso. Da quel momento in poi si è stato uno splendido-ma-terribilmente-stancante fine settimana in compagnia di amici. E non sottovalutiamo il fatto che Eraty sia stata la prima a ricevere una t-shirt marchiata DCM, cosa che mi ricorda che in effetti dovremmo produrne altre.
Beh diciamo che per essere il compleanno di Eraty, avendoci rimediato un viaggio andata-ritorno fino a Cygnus X-11 (che alla fine mi ha pagato completamente la MDEPLQNDDUS) ed una discreta quantità di tegole (che non ho ancora toccato, visto che quelle al cioccolato vorrei condividerle con gli altri DCM), diciamo che è stata una mezza festa anche per me.
L’altro compleanno infatti era il mio (tanti auguri a me, tanti auguri a me) che per diversi motivi è sembrato un compleanno sottotono fino a quando #quellidelbaretto non mi hanno sorpreso con i loro azzeccati regali.
Lo scorso fine settimana l’ho passato quasi interamente con loro, includendo anche il lunedì di Pasquetta, in cui siamo stati ospitati da HikaruGirl (che invece latita TROPPO su Twitter) per un interminabile pranzo durato praticamente tutto il pomeriggio.

So bene che leggendo l’articolo vi siete resi conto di come sono partito bello pimpante, e di come invece il finale sia stato terribilmente moscio, ma se considerate che

  • Sono influenzato
  • E’ tardi
  • Sono abituato a scrivere al più 140 caratteri

Vi renderete conto che scrivere questa roba qua è stato un bello sforzo.
Vorrei riprovare a scrivere con costanza qua, ma non è facile.
Anche perchè non conosco nessuna Costanza.

1 Comment

  1. In effetti sei stato un pò moscio nel finale, non so se ti perdoneremo mai…
    Ps. Tornerò a leggere i vecchi post, quando tornerà in me un momento di assoluta malinconia permanente. So che speravi il contrario, ma sai anche che non ti do retta (e me ne vanto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2019 Luigi

Theme by Anders NorenUp ↑