Luigi

Versione in ricostruzione

Vuoi confermare?

Ieri è stato il mio WV-Day.

Dico ieri, perchè (come disse una volta Lo Zio) finchè non vado a dormire non aggiorno la data, quindi essendo quasi le 4 per me è ancora il 23 dicembre.

Comunque, ieri è stato il mio Windows Vista day. Sono passato a vista!!!

Vuoi confermare?

Avevo letto molti articoli sul discusso sistema di sicurezza “UAC” di Windows Vista ed uno di questi mi aveva colpito parecchio. Intanto perchè a scriverlo è stata una ragazza, e trovare ragazze che si intendano di informatica è molto più complesso che trovare un ago nel Sahara, e poi perchè mi ha fatto notare una cosa davvero strana.

Vista è un sistema operativo pensato per persone sicure di sè, questo perchè ti mette continuamente davanti a domande, e tutto questo per mantenere la tua sicurezza. Una persona con modeste capacità informatiche, come potevo essere io qualche buon anno fa, non durerebbe un giorno. Vista piazza di continuo schermate che chiedono l’autorizzazione per fare qualunque cosa. E queste schermate possono terrorizzare un utente inesperto, nella mente del quale insinuano decine di dubbi. E va a finire che l’utente inesperto, piuttosto che fare danni, rinuncia a fare quello che voleva.

L’articolo di cui parlavo, faceva notare che in Vista, io devo autorizzare me stesso, a fare quello che voglio fare. Il che è un po’ illogico: se voglio fare qualcosa, è logico che voglio permettermi di farla. Ma non si tratta di cose particolari, ed è questa la cosa frustrante: Windows chiede continuamente a te di autorizzare te stesso a fare quello che stai facendo. Di continuo!

Alla Apple ironizzano su questo, e fanno bene. Ritengo completamente inutile dover cliccare su “Continua” “Autorizza” “Continua” “Autorizza” per creare una cartella in C:\programmi. Avete capito bene: creare una cartella.
Comunque, nonostante tutta la merda che ci viene spalata sopra, per ora non ho avuto grossi problemi con vista. Ok, Sharp-E (Beta) non è pienamente compatibile con Vista, e per questo non lo userò. Ma non importa! C’è aero, è bello da vedere, davvero. E sono anche riuscito a far funzionare il mio monitor nuovo con vista, ed a connettermi alla rete Wi-Fi di casa senza dover penare più di un paio d’orette. Ma questo solo perchè il software di controllo della scheda wifi integrata andava in conflitto con Vista. Una volta disabilitata quella, le cose hanno preso a funzionare bene.
Non è che sia cambiato molto, e questo è bene, mi sono abituato ad XP e mi trovavo bene con lui, Vista è come XP, un po’ più grazioso da vedere, e molto più insicuro. Non nel senso di vulnerabile ai virus, ma nel senso di diffidente: siccome il 90% dei problemi di un computer si trova tra lo schermo e la sedia, alla Microsoft hanno pensato bene di cominciare a diffidare dal fatto che chi usa un pc sia davvero in grado di farlo. Così vogliono sincerarsi che tu non stia installando un programma tanto per vanvera. Devi essere davvero sicuro di farlo. Ma se ne sei proprio sicuro, allora diamo al programma di installazione i diritti di amministratore, così che la macchina sia completamente alla sua mercè.
Mmmh in effetti non ha molto senso, in questo punto la sicurezza poteva essere migliorata…
Però per creare una cartella, devi esserne 4 volte sicuro! Questa è sicurezza!!!

Andrà meglio con Windows Vienna… E’ sempre meglio così che niente, dopo tutto.
Ma non è finita qui, perchè oggi è stato il mio *nix-Day. E ne parlerò domani, se tutto va bene.

2 Comments

  1. Uso Vista da sei mesi ormai, e a me chiede l’autorizzazione solo per installare certi programmi (per alcuni addirittura non serve) e per poc’altro, sul serio. E non ho toccato impostazioni relative alla gestione autorizzazioni. Boh.
    Comunque io mi trovo bene, peccato che ora debba decidermi a comprare un antivirus serio se voglio continuare ad usare decentemente il pc…
    Tanti auguri di buon Natale!

  2. anche a me vista chiedeva continuamente di confermare, ma al contrario di thelondoner da qualche parte avevo trovato le impostazioni da settare per non farsi romprere le balle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2019 Luigi

Theme by Anders NorenUp ↑