Versione in ricostruzione

Pronti all’effetto domino?

Ci sono. Ancora.

Non ho scritto niente per molto, lo so, e mi dispiace. Avrei voluto continuare a scriveree le solite cose. Che la scuola mi ha stufato, che mi sento solo, le solite baggianate che butto giù. Avrei voluto scrivere delle mie disavventure col mondo femminile. Non ho potuto, non ne ho avuto il tempo.
Cosa c’entra col domino? Avete presente la mia vita? Il mio mondo attuale, così com’è. Sono tante piccole cose, tanti pezzi del domino, messi in piedi uno dietro l’altro a formare una lunga fila, ed ogni giorno che passa se ne aggiunge qualcuno. Ecco, vedete quel dito sulla destra? Quel dito ha toccato un pezzo del domino, ed ora si è scatenato un effetto a catena devastante.
Non sono più io quello che mi fissa dallo specchio, c’è una specie di zombie con le occhiaie, gli occhi arrossati e un’espressione distrutta, che deambula per casa senza meta, nell’apatia assoluta. E passa ore senza accorgersene a fissare il muro, o il soffitto, o una mattonella del pavimento. Poi d’improvviso si rende conto che non sta facendo niente, e cerca di mettersi a studiare, come faceva sempre, e dopo un po’ si ritrova di nuovo al punto di partenza. E questa cosa succede di continuo, anche a scuola, anche durante il compito di matematica o quello di Italiano. Succede. E si ritrova a piangere ed a consumare scatole e scatole di fazzoletti, un po’ per il raffreddore che non lo abbandona mai, un po’ perchè non sa dove sbattere la testa. Il muro l’ha sperimentato tante volte. Il legno dell’armadio anche. Ora è il turno delle finestre in vetro. No, quel tipo ridotto così devo proprio essere io. E a volte vorrei prendere l’ascia che sta di sotto e sfasciare qualunque cosa mi capita a tiro, brandendola in ampi movimenti per affondarla dentro la tv, o contro qualche mobile antico che non ha senso di stare dove sta. E poi prenderei a martellate le vetrine con tutti i bicchieri e le bomboniere che ci sono dentro, fracassando tutto in mille pezzi, urlando come un ossesso. E poi, una volta che intorno a me avrei distrutto lo stato attuale delle cose, stanco, mi siederei da qualche parte a fissare di nuovo il vuoto.
Con la mente l’ho già fatto più di una volta. E immaginando ogni frammento di cristallo saltare via, mentre spacco ogni cosa, e le scheggie di legno cadere a terra, assieme ai pezzi di porcellana dei soprammobili ed ai pezzi di plastica della tv. Ma non lo faccio. Devo mantenere i nervi sotto il mio controllo con tutto me stesso, perchè la volta buona che li lascio scappare so che potrei essere pericoloso. Forse non fisicamente, ma di sicuro psicologicamente, per il malcapitato che me li avrà fatti saltare.
E intanto, con tutti sti pensieri incasinati e più grossi di me, e che non posso scrivere qua, mi sono perso anche l’eclissi di luna. Bella merda.
Ho bisogno di un abbraccio sincero, e di sfogarmi.
Ma come al solito, chiedo troppo.

2 commenti

  1. nily

    Tesoro!
    Non puoi, non devi star così male.
    Da una parte ti capisco, anche io son stata così, ma col senno di poi posso dirti che non ne vale la pena, che tu devi continuare a pensare a te e non a quello che ti circonda, perchè solo quando imparerai a prescindere dagli altri allora potrai esser veramente felice, intoccabile nei sentimenti e nella salute mentale.
    Devi saperti gestire ogni emozione, e piano piano, vedrai, questi brutti attimi saranno solo un ricordo, come è stato per me.
    Non ci passano in molti, e per ognuno è uno choc differente, ma ricordati che io ti sarò sempre vicina, sempre pronta se vorrai sfogarti o semplicemente correre come due cerbiatti a piedi nudi sul prato verde vicino casa tua.
    Ci prenderemo un cappuccino, molto presto, saremo seduti ad un tavolo a chiacchierare, ridere, scherzare e giocare a briscola, e quel giorno (quando ti straccerò 😀 ) penserai più oggettivamente a tutto quello che sta accadendo e te ne farai una ragione.
    Sii forte e conta sempre su di me!
    Un bacionissimo.
    Nily

  2. Lo Zio

    Non possiamo scappare dall’infelicità e dalle delusioni, allora l’unica cosa che ci resta da fare è trarne insegnamento.

    La felicità è una cosa passeggera, che spesso poco centra con ciò che succede intorno a noi.
    Prefissati degli obiettivi e fa di tutto per portarli a termine.
    Metti in primo piano te stesso… le amicizie o gli altri rapporti, per quanto possano essere state forti, a volte finiscono.

    AUTOSTIMA… unica soluzione per risorgere !!!!
    Impara ad essere forte e supererai anche le peggiori situazioni. Tutto si aggiusta se lo VOGLIAMO… Altrimenti non resta che accertarlo e trarne insegnamento….

    VOLERE, e non DESIDERARE…. è diverso…

    Se vuoi sfogarti ti consiglio un buon corso di Karate 🙂 … Insegna a controllare le emozioni e a scaricare totalmente i nervi !!! Nei momenti di rabbia mi manca…..

    Allora su con la VITA !!! Hai ancora tanti giorni da affrontare e l’unica cosa da NON FARE MAI è arrenderti… COMBATTI CONTRO L’INFELICITA’ E TORNA VINCITORE!!!!! …non voglio più vederti triste e mogio !!!

    Un saluto affettuoso…. LoZio

    (Se vuoi cancella questo messaggio…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2020 Luigi

Tema di Anders NorenSu ↑