Luigi

Versione in ricostruzione

Wii (School) day

Ieri ho saltato il post, e domenica anche. Mea culpa, mea culpa. Oggi programmo di inserirne due per recuperare.

Intanto quello leggero e falsamente spensierato.

Il Wii del sottoscritto è arrivato a scuola!

Matto. Completamente fuori di testa. Due di tanti aggettivi per descrivere sempre me. Specie quando propongo alla lettrice di Inglese una partita ad un videogame.

Lei è un tipo strano. E ve lo dice uno che di tipi strani se ne intende. Non ha televisioni in casa. Glie ne hanno regalata una e lei l’ha regalata ai suoi vicini di casa. Non ha mai provato un videogioco e non ha idea di chi sia Super Mario. Chi meglio di lei, per verificare se è vero quello che alla Nintendo ci hanno ripetuto per mesi, ovvero che il Wii avrebbe convinto anche chi non ha mai preso in mano un pad, che avrebbe potuto giocare?

Lei, matta come me, ha accettato l’idea, a patto che le spiegassi come funzionava in Inglese. Mi ha invitato a nozze. Dopo aver seguito almeno tre conferenze in americano, avrei potuto spiegarglielo anche al contrario. In Inglese.

Così comincio con la mia solita loquela, le metto in mano un pad del gamecube e le dico che se le avessi detto di usare quello, di spostarsi con lo stick analogico, di saltare con il tasto a, di colpire la palla con la racchetta col tasto b, di correre con x e di fare un colpo ad effetto con y, probabilmente non ci sarebbe riuscita. In effetti mi ha risposto che l’unica cosa che avrebbe saputo fare era mettersi ad urlare “Oh my God! Oh my God!…”!

Allora ho tirato fuori il telecomando Wii e le ho fatto vedere due tiri a tennis con una mia amica. Ha sgranato gli occhi ed ha continuato a ripetere “ma è incredibile” per tutta l’ora.

L’esperimento è riuscito a metà, nel senso che non c’è stato verso di farle prendere in mano il telecomando, però è rimasta decisamente sorpresa dalle cose che si possono fare con quello scatolotto bianco. E ora anche la prof. di Francese vuole farci una partita.

Forse questa volta Nintendo ha davvero colpito nel segno. Se ha convinto lei, può riuscirci davvero con chiunque.

Chi mi fa compagnia con una partita a golf? 😀

2 Comments

  1. grandioso xD
    un mito

    la faccio io una partita a golf

    alla fine hai fatto giocare la prof?

  2. Non ci sono riuscito purtroppo, non so perchè ha questa avversione per la televisione. Però il fatto che sia rimasta così affascinata è comunque positivo. 😀
    In compenso la prof di Francese ha detto che se ne sarebbe comprato uno (e suo figlio l’ho visto con un DS Lite bianco in mano! :mrgreen: ).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2020 Luigi

Theme by Anders NorenUp ↑