Luigi

Versione serena.

NO!

Forse ho già affrontato questo argomento sul blog. Ma non lo ricordo. Siccome ho bisogno di sfogarmi, e non scrivo niente da un bel po’, ecco come cogliere due piccioni con una fava.
Venite a scoprire con me il meraviglioso mondo del NO!.

Salve a tutti! Sono Luigi!
Per alcuni ho un volto, per altri no. Per tutti sono “l’amico che ne capisce di computer”. Per alcuni studio informatica. Per tutti sono “quello a cui chiedere qualcosa quando serve”.
L’ho fatto. C’è stato un periodo di tempo in cui aiutavo volentieri i miei amici impediti coi loro computer. L’ho fatto, e lo continuerò a fare. Se, quando e con chi ne avrò voglia.
Perchè vedete, il brutto di essere gentili e disponibili, è che la gente se ne approfitta. E io ne ho le palle piene.
Sono arcistufo di essere tempestato da domande IDIOTE. Perchè le domande possono essere interessanti ed offrire spunti di riflessione o problemi intriganti da provare a risolvere, ma le domande IDIOTE no.
E io sono assediato da rompicoglioni che mi fanno domande idiote, che prese singolarmente potrebbero anche essere sopportabili, ma tutte insieme, e per un periodo prolungato di tempo, diventano insostenibili. Anche i miei amici, quelli a cui voglio bene, sanno trasformarsi in un individuo di questa specie per il tempo strettamente necessario a farmi una domanda idiota.

Non lo fate. Non fatemi domande cretine. Perchè dovreste dimostrare di essere dei perfetti decerebrati e farmi domande per cui potreste FACILMENTE ottenere una risposta da soli, ma preferite scatorciare i maroni a me? Perchè fino a ieri ottenere una risposta da me era più semplice che aprire google e scrivere la domanda idiota per leggere la risposta?

Non so, davvero, non so come rendere l’idea di questa situazione e di quanto io sia esasperato, ma ci proverò, raccontandovi quello che è successo ultimamente.

Sto studiando. Ok? Concetto abbastanza semplice, funziona così: si aprono uno o più libri e quaderni, e si legge cercando di capire e di ricordarsi quello che si sta leggendo. Difficile? No, basta un po’ di concentrazione.

Sto studiando.

Il computer è acceso, e connesso ad internet perchè, diavolo bestia cane, potrei avere necessità di cercare qualcosa su internet, o di fare una domanda ai miei colleghi. Sono connesso su messenger, ma c’è scritto “STUDIO”.

Se mi inviate un messaggio, il mio risponditore automatico vi avvisa che sto cercando di fare qualcosa di costruttivo, ovvero passare un esame difficile, e che potreste disturbarmi. Se insistete nel mandarmi messaggi, mi alzerò dal tavolo perdendo la concentrazione e verrò a leggere di cosa si tratta.

Ora, se voi mi distogliete da quel cazzo di maledetto libro che detesto ma che devo leggere se voglio passare quell’esame di merda per farmi una domanda cretina, IO DIVENTO UNA BESTIA!

Perchè non puoi rompermi i maroni per chiedermi “a che ora esce il nuovo firmware dell’iPhone” perchè non me ne sbatte una sega e non vedo perchè dovrei saperlo! Non puoi cagarmi il cazzo perchè sei impedito e non sai usare GIMP, perchè io NON sarò il tuo maestrino, specialmente mentre sto studiando. Non puoi chiedermi cose che NESSUNO INCLUSO ME SA su un esame che NON STO preparando. Non puoi, e davvero non puoi, CHIEDERMI QUALE VERSIONE DI AVAST! DEVI SCARICARE DAL SITO E LAMENTARTI SE NON TI VOGLIO RISPONDERE!

NO! Non ti rispondo, cazzo. Trovatele da te le risposte alle tue domande idiote, se non hai abbastanza neuorni dentro quella inutile capoccia che ti ritrovi sopra il collo per arrivarci a logica, arrangiati come ho sempre fatto io.

Sarò stronzo e antipatico, ma se l’unico motivo per il quale ho un’armata di ebeti alle calcagna è perchè sono stato troppo gentile, li sconfiggerò a colpi di no, e di risposte taglienti.

NO! NO! E NO!

5 Comments

  1. Come ti capisco…. Questo a volte è il destino di chi sa usare un qualcosa.. Chi ha detto testa? Cmq io ho trovalo la risposta ideale (che adotto da un po di tempo): “Guarda mi spiace ma adesso non posso, però conosco un mio amico che potrebbe fare al caso tuo… Lo conosci sicuramente, è il più famoso motore di ricerca del mondo… Si chiama Google… Fidati che se cerchi li, e sopratutto se impari a leggere, trovi la soluzione che cercavi! Ciao!” (Grazie di avermi citato nell’articolo 😀 )

  2. Dai che poi puoi scatenare la rabbia repressa sui server giocando a tf2… spari a tutti e ti senti meglio :mrgreen:

    Comunque ti capisco, ho spesso anche io situazioni davvero simili.
    Buono studio!!! CIAO 😉

  3. Ehi ciao Nuke che sorpresa! 😀 Eh sì, ultimamente davvero se non ci fosse TF2 penso che davvero non saprei come sfogare la rabbia!

  4. L’indifferenza è più tagliente del no, fidati. Impara ad I-G-N-O-R-A-R-E.

  5. Una volta che scoprono che le tue abilità informatiche sono superiori alle loro, è finita! ti cercheranno in qualsiasi giorno a qualsiasi ora, si apposteranno dietro ai cespugli per poi saltare fuori come molle al tuo passaggio con quel mezzo catorcio di computer in pezzi, semineranno trappole per orsi in tutta la città per impedirti la fuga, quando non sarai in casa installeranno telecamere e microfoni occulti per scoprire le tue abitudini e trovare le migliori strategie per stanarti… Tutto ciò se li ignori, se pure gli dai corda, anche solo una volta, tanti saluti.

    Il problema è che se l’utonto in questione chiamasse l’amico idraulico, lo vedrebbe lavorare e alla fine lo pagherebbe, stessa cosa per l’amico muratore o elettricista, ma per quanto riguarda l’amico informatico che risolve il problema al PC pestando tasti (questo è quello che vedono loro) e non dimostrando di fare alcuno sforzo, che in realtà è 90% mentale, il luser pensa che sarebbe riuscito anche da solo a fare la stessa cosa. Da qua parte l’assistenza gratis a vita. Poi la cosa peggiore è che danno per scontato che tu dovresti aiutarli, se ce la fai a malapena ti ringraziano, se anche una volta no scatenano la loro ira contro di te (nel mio caso ne ricevono il doppio…).

    Purtroppo rimangono solo le maniere forti: quale parte di “NO” non è chiara?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito web utilizza Google Analytics per monitorare il tuo utilizzo del sito stesso. I dati sono trattati da Google per conto del proprietario di questo sito. Proseguendo nella navigazione (cliccando un link o scorrendo la pagina), acconsenti che i cookie provenienti da Google possano essere archiviati nel tuo browser. Acconsenti | Non acconsentire | Ulteriori dettagli

© 2017 Luigi

Theme by Anders NorenUp ↑