Luigi

Versione in ricostruzione

Month: Febbraio 2008

Creare Userbar Animate con The GIMP

Dopo la gentile richiesta di Naiko, oggi mi sono dedicato alla creazione di questo tutorial. Non avendo voglia di scrivere, ho preferito fare un video che mostrasse come fare.

Credevo avrei impiegato meno tempo, ma ho paura di aver fatto i conti senza l’hostess ( ❓ ), e così dopo aver fatto alcuni tentativi fallimentari, ecco finalmente il risultato del mio lavoro. Alla fine il video era troppo grande per essere caricato qui, ed ho optato per caricarlo su YouTube, scoprendo che oltre che essere troppo grande era pure troppo lungo, e dunque ho dovuto editarlo, dividerlo in due, e riupparlo. Ora dovremmo esserci.

Ah sì, la qualità ne ha risentito parecchio, ma questo è il prezzo da pagare su YouTube. Se guardate il video a schermo intero non è poi così male.

Parte 1
Parte 2
Se siete esperti di The GIMP e ritenete il mio metodo inguardabile, posso darvi ragione, ma non ne conosco un altro, sono andato per tentativi e questo funziona. Quindi mi sono accontentato.
Ecco il risultato di 20 minuti di lavoro (senza contare l’editing del video, ovviamente):
userbar animata qualunqueSpero di esservi stato d’aiuto. :mrgreen:

San Valentino?

oh aeng

oh aeng,
inserito originariamente da v !.

Non chiedetemi perchè, non è difficile, ma questa foto mi ricorda tanto la giornata odierna. E di un anno fa. E di due anni fa. E di tre anni fa. Potrei continuare, ma non ho voglia.

Oggi, nonostante il santo del giorno, ho dato l’esame, ed è andato discretamente bene. 29, a causa una domanda pignola e bastarda, la cui risposta non era presente nel libro di testo, ma di cui si era parlato solamente una volta e di sfuggita ad una lezione.
Ma va bene, l’importante è che per ora ho finito e posso dedicarmi ad altro. Altro cosa? Vorrei andare a trovare la Carmela e la Luana, e magari anche la Nily, sebbene sia straimpegnata ed una mia richiesta in questo senso potrebbe sfociare in una delle sue temibili sfuriate. Specie visto che ultimamente si dice esagitata… Speriamo bene.

Ho un progetto! E’ un programmino, è carino, e a me serve. Se a voi non serve, pazienza, a me serve, e me lo faccio. Ma non vi dico che cos’è, è una sorpresa. 🙂
E ora basta, vedo di organizzare qualcosa per la serata, tipo… Partita a carte?

Stress universitario

Mi sono fatto interrogare a matematica discreta, così, senza aver studiato un tubo di niente. Alcuni lo chiamano coraggio, io lo chiamo incoscienza. O irresponsabilità, come preferite. Ma mi è andata a culo, e ho preso 30. Un altro 30 l’ho rimediato anche a Programmazione I, ma quello era meno culo, e più preparazione.

Ieri, ultimo esame: Architettura degli Elaboratori I. L’orale che più mi terrorizzava.

E più mi terrorizza, visto che non è riuscito ad interrogare 40 persone da solo, e quindi verso le 3 del pomeriggio mi ha rispedito a casa, mentre quelli rientrati tra la rosa dei nominati sono rimasti la.  Non so ancora se sia un bene o un male, ve lo dirò domani, quando finalmente avrò dato l’esame.  E domani scriverò anche un articolo un po’ più lungo.

Per adesso vi basti sapere che sono ancora vivo, e che ho una buona idea per la testa. E ora vado a dormire, che se succede come l’altroieri, alle 5 mi sveglio e non riesco più a chiudere occhio dall’agitazione. Poco male, visto che tanto dovrei alzarmi alle 6 per essere in facoltà alle 8. Di tutti i professori con cui poteva capitarmi di dover ridare l’esame, proprio con quello mattiniero doveva succedere?

E va beh, a domani ragassuoli.

Bis!

Checcazzo, ma perchè devo essere talmente idiota da riuscire a fare le cose solo a metà?

Mezzo esame perfetto, mezzo esame una sòla. Ma si può?

Continue reading

© 2019 Luigi

Theme by Anders NorenUp ↑