A volte anche i servizi segreti americani pubblicano i propri documenti. Dopo anni dagli eventi di cui trattano, ed opportunamente censurati (quando non hanno la geniale idea di “censurare” le parti da nascondere colorandole di bianco in un documento word, senza cancellarle).

Qualche tempo fa ho fatto lo stesso anche io. Con Lei.

E credo di non averlo ancora raccontato.

Continue reading