La sento, è di nuovo lei. È la tipica sensazione da domenica pomeriggio. Quell’insopportabile atmosfera sospesa, pigra, vuota. L’attesa di qualcosa di imprecisato che attira su di sé tutta l’attenzione, senza lasciare energie per poter pensare al resto.

Almeno questa volta è l’ultimo giorno di ferie. Almeno posso prendere lui come scusa e dire che è tutta colpa sua. Ma non sono credibile. Quest’ultimo anno mi ha reso più bravo a mentire, ma non abbastanza. Non è colpa dell’ultimo giorno di ferie. È colpa mia.

Continue reading