Versione in ricostruzione

Ferragosto in ritardo

Ehi non ve ne siete accorti? E’ passato un bel po’ dall’ultimo post.

Eh, ve lo si legge in faccia che proprio non ci avevate fatto caso, eravate al mare eh? Non fa niente, non è un problema.

Ma scommetto che non vi siete neanche accorti che quest’anno ho saltato il mio tradizionale sproloquio depresso sul ferragosto! Beh, eccone uno, in ritardo.

No ho detto una bugia, questo non è uno sproloquio depresso. E’ uno sproloquio, ok, ma non depresso. Non sono depresso, nossignore, neanche un po’.

Se vi state chiedendo se per caso ho cominciato a drogarmi per sfuggire alla depressione, vi sbagliate di nuovo: non sono proprio depresso, di mio!

Questa volta mi ha preso così, mi accontento di come vanno le cose, non mi sbatto per tentare di migliorare il mondo né cerco disperatamente di trovare un motivo del perchè le cose vadano come vanno e non diversamente. Lo so che è contro il mio essere, però ho talmente tante altre cose da fare, che di questo non mi preoccupo minimamente.

Dev’essere grazie ai nuovi amici conosciuti in università, una combriccola di informatici matti e sconclusionati con cui studiare come dei forsennati quando è il momento, oppure risolvere incomprensibili quanto improbabili problemi informatici, parlare del più del meno e dello xor, giocare a Mario Kart (facendo il culo al sor MikiPlus) o poltrire sotto al sole. Non finirò mai di ripeterlo, ma ho trovato un gruppo di amici senza paragoni, e con loro sto davvero bene. Sono felice gente, ed è una cosa che non succedeva da parecchio tempo, nonostante le cose non vadano troppo meglio rispetto a quando ero depresso.

Sicuramente è anche grazie ai nuovi amici conosciuti fuori dall’università, tra cui annoveriamo Judy Corda/Master Hand (di cui decisamente preferisco il secondo nick in questione) che già dalle prime sere in cui uscivamo, in trio con Lo Zio, disse che gli sembrava di aver fatto un gran salto di qualità, decidendo di uscire più spesso con noi che coi suoi altri amici. Beh se non altro ha smesso di fumare. Certo, ora andiamo con regolarità ad ingozzarci dal Sucio, e terminiamo spesso le nostre serate giocando a Smash fino alla mattina seguente… Però sono dettagli.

Vorrei raccontarvi a grandi linee com’è andato questo quasi-mese dal mio ultimo post.

E per farlo, gradirei un sottofondo musicale, grazie.

Andando con ordine, il viaggio per andare a trovare quella BBestia di Paolo. Non ricordo quante ore ci sono volute, ricordo solo che non ho mai fatto un viaggio tanto lungo e tanto rilassante. Dev’essere stato merito della compagnia di MikiPlus con cui ho chiacchierato ininterrottamente guadagnandomi con buona probabilità qualche colpo dagli altri passeggeri. Una volta là a Crotone ho passato la miglior settimana dell’estate, un buon mix tra rilassatezza, fancazzeggio, mare, sole, cibo, gelato, wii e cazzate a raffica. Sono stato bene. Ma bene! Ma bene! Ok basta.

Il rientro è stato devastante, dalle 9 di sera alle 7 di mattina nel disperato tentativo di dormire nel pulman mentre quella maledetta davanti a me ha abbassato il sedile a tradimento. Appena mi sono reso conto che stava abbassando lo schienale a discapito del già ridotto spazio dove avrei dovuto allocare le mie gambe, ho puntellato le mie ginocchia contro la plastica del sedile, in modo che non potesse scendere oltre. Sono riuscito ad arginare la sua discesa, ed al primo autogrill ho recuperato i preziosi centimetri persi rialzandole il sedile mentre si era alzata.

Dopo pochi e concitati giorni, la nuova partenza, alla volta di Londra, col sempreverde e mai-rompiballe-come-stavolta Victor, che con i suoi innumerevoli video senza senso mi ha davvero fatto saltare i nervi ogni tre per due e desiderare di tornare a casa già dal secondo giorno. L’unica nota veramente positiva di Londra è che sono stato a Regent Street nell’Apple Store, ed ho rimediato un iPhone 3G Dock, e uno scontrino emesso con lentezza indicibile da un iMac. Acquisti nintendosi ed economici sono stati un Red Steel un po’ scalcagnato ma per appena 25€, un “action figure” di Luigi ed un numero della rivista ufficiale Nintendo in Inglese, con allegato un bel mazzo di carte nintendose. Ora devo vendere l’iPod touch e guadagnarci i soldi necessari per la scheda video che secondo il sondaggio devo comprare, assieme ad una donna.

Dunque, a nessuno interessa il mio personalissimo iPod Touch 8GB 1.1.4, senza cuffie ma con caricabatterie da corrente (non originale quest’ultimo, ma funzionante) acquistato a Gennaio e dunque ancora in garanzia? Su su fatevi avanti! Ve lo mando insieme ad un mio autografo! 😀

3 commenti

  1. Artiglio

    🙂

  2. MikiPlus

    La sfida di Mario Kart è ancora aperta!! Questo significa che puoi continuare a farmi il culo… ma significa anche che ho sempre la possibilità di riscattarmi!! PRIMA O POI!!… 😀
    PAROLA DEL JEDI IN INFRADITO!!!

  3. MasterHand

    E vada per MasterHand allora…anche se per Judy Corda mi ci ero spremuto abbastanza 🙄
    Ps non v’ho mai ringraziato abbastanza per avermi aiutato a farmi smettere di fumare ❗
    L’I-pode non me fo nulla però gradirei l’autografo!!! :mrgreen:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2020 Luigi

Tema di Anders NorenSu ↑