Versione in ricostruzione

A monte!

Le carte migliori che tu possa desiderare, una buona somma in gioco. Culo, non c’è che dire. Ed e proprio mentre ti hanno dato le carte, e tu assapori la gioia, fingendo un banale “Ma sì, giochiamo!”, che qualcuno fa notare che c’era una carta non rimessa nel mazzo, e condisce tutto urlando “A monte!”. E subito tutte le carte all’aria, e tu resti lì, contemplando quella mano che sarebbe sicuramente stata tua, e ti arrendi sul fatto che questa volta non puoi fare niente. La fortuna sghignazza e volta l’angolo. Questa volta è andata male.

Sono quasi le una. Ormai mancano due minuti. Sono passate circa 24 ore dall’ultimo contatto con Lily. Uno squillo, niente di più. Decisamente non abbastanza, per quello che le avevo scritto. Certo, non mi aspettavo una reazione da film, che consisteva nel sentir suonare il campanello e trovarmela fuori di casa, ma qualcosa di più che un freddo silenzio l’avevo messo in conto. Sia che fosse stato un sonoro vaffanculo, che altro, ma di sicuro non questo.
Niente, né un battito di ciglia, né un brivido lungo la schiena, né un abbozzo di sorriso, né un pugno nello stomaco. Nessuna reazione. Solo uno squillo alle una. 24 ore e dieci minuti fa.
Dodici minuti fa.
Non riesco neanche a scrivere stanotte.
Cerco di pensare, e più penso più mi rendo conto che non c’è qualcos’altro che io possa fare. Perchè quello che dovevo dirle, l’ho detto. Quello che dovevo fare non ho potuto farlo, ma se non vuole vedermi non posso farci niente. E’ una sua scelta.
Io ho fatto una promessa, ed ora mi rendo conto che è stata la promessa più stupida che potessi fare, perchè mi ha legato le mani. Ma quando glie l’ho fatta, l’ho fatta per due motivi, e non così a casaccio. Intanto l’ho fatta perchè sapevo di poterla mantenere, ed anche se non sarà facile, la manterrò. Ma soprattutto l’ho fatta perchè era la cosa giusta da fare. Aveva paura di perdere la mia amicizia, tanto quanto io di perdere la sua ed era in dubbio sul da farsi, se fermarsi o continuare. E io ho fatto quello che era giusto fare, prendere un impegno difficile, ma darle una sicurezza. La mia promessa l’ho mantenuta e la manterrò, di certo non sarà facile, ma ormai credo sia l’unica cosa che mi resti da fare.
Devo andare a dormire, lo so, ma non voglio andare in camera. Dovrei aprire il comodino. E nel comodino c’è ancora il regalo che ho fatto fare per lei quando ero al mare, e che non le ho più dato. Contavo di farlo quando sarebbe venuta a trovarmi. In fondo, l’ho fatto fare per lei, e non è giusto che me lo tenga io, né che se lo prenda qualcun’altro. E tenerlo lì mi fa male.
Rimandiamo la decisione. Ora non è il caso.

3 commenti

  1. imperterrito

    Ascolta una cosa, da uno che ha qualche anno più di te. Ci siamo passati tutti in questa situazione, tutti. E’ un classico…tu ti innamori di una tua amica, lei ti vede solo come amico e tu, per non perdere almeno il rapporto, continui a farti del male…sperando, invano, che un giorno qulacosa possa cambiare. Ma non cambierà! Mai! Stanne certo, sicuro…è dura e fa male lo so…ma lo faccio per te credimi. Prima te ne fai una ragione meglio starai…i segnali che hai descritto non lasciano adito a dubbi, lei ti vuole solo come amico. E tu ci stai male, la situazione non migliorerà finchè continueari a vederla/sentirla, o sperare che ciò accada.

    Spero che con questo crudele commento ti possa aver, in qualche modo, aiutato. Anche se ora sarai incazzato! 😛

    Ciao

  2. Luigi

    Grazie per la sincerità, ma non preoccuparti di essere stato duro, non è un problema. E grazie del consiglio, che ho messo in pratica già prima che me lo dessi.

  3. nily

    x imperterrito: io penso che il problema sia proprio questo: lei manda messaggi del tutto fuorvianti!
    Fortunatamente Gigi non è un visionario e non si inventa le storie con le ragazze. Con la Lily c’è stato, anche se in modo paradossale e un po’ ambiguo..
    bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2022 Luigi

Tema di Anders NorenSu ↑