Versione in ricostruzione

Quando pensi di aver toccato il fondo…

…puoi sempre cominciare a scavare.

Due post in due giorni in un momento come questo?
Suona incredibile anche a me, in un periodo in cui non ho tempo neanche per giocare con il Wii. Fatto sta che ho bisogno di scrivere un post. Per me scrivere significa sgomberare la testa dai pensieri che la affollano per riversarli su l blog, e credo davvero che a quest’ora se non avessi iniziato a scrivere un blog, la mia testa sarebbe sicuramente esplosa da un pezzo.
Che cosa è successo di così terribile da rendere necessario un post sul blog? Una cosa che non mi aspettavo assolutamente. Una cosa che ha mandato all’aria anche il mio piano di studio, nonchè la mia serata, ed anche tutti i piani per sabato sera. Sembra una partita a bowling, è arrivata come una palla e ha fatto strike.

Come al solito, la capacità di mandare all’aria tutto quanto è prerogativa della Lily, e come al solito tutto arriva inaspettato ed improvviso.

Arriva che finisce tutto. Perchè si è resa conto che quando proviamo a stringere il rapporto tra noi due finisce che “a lei non riesce”. Succede però che a me non va assolutamente di finire nel limbo e fermarmi ad essere “qualcosa più” di un amico.

E da un momento all’altro mi è di nuovo mancata la terra sotto i piedi. Non sono riuscito a studiare Hegel, e non so che cosa farò sabato. Non so neanche se farò qualcosa sabato.

Non so proprio. Non me l’aspettavo. E nonstante quello di cui cercavo di convincermi, ci speravo ancora. E non so neanche cosa fare ora.

So solo una cosa. Che probabilmente non sarebbe servito a niente, magari avrebbe solo peggiorato le cose, ma dovevo dar ragione a Nily e a Fedor quando mi dicevano che me ne sarei accorto solo troppo tardi. E avrei dovuto dar ragione anche al mio istinto, quando a casa sua una vocina in testa mi ripeteva “Che aspetti a baciarla?”.

Che cazzo ne so.

Mi cito da solo, con una frase che ho pronunciato scherzando ad un mio amico, e che invece ora si rivela perfettamente calzante: “C’evi da pensà prima, coglione!”.

Mi andrei a fare un’altra doccia, per poter piangere senza che nessuno possa vedere  le mie lacrime in mezzo all’acqua che mi cade in testa, ma a che servirebbe?

Vado. Dove non lo so, ma vado, quì non riesco ad andare avanti. Non la capirò mai. Mai.

3 commenti

  1. Ex3me

    …Non sai quante docce ho dovuto farmi per il tuo stesso motivo… Non so che dirti gigi… Ti capisco in pieno. Non abbatterti e cerca di pensare in positivo…

  2. Lo Zio

    Quando ti ricapiterà non porti nemmeno la domanda, fallo e basta sennò piano piano finisce così… ne so qualcosa credimi !!!!

  3. nily

    Gigiii!!
    Mi prendi in giro per i miei ormoni impazziti e poi tu stai ore a riflettere senza poi carpire l’attimo!! ma insomma, non t’ho insegnato proprio nulla!!!:umpf:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo è uno dei pochi siti web rimasti al mondo che non richiede di lasciare dati personali, quindi per favore, non inserire dati personali nei commenti.
L'email non è obbligatoria. Usa uno pseudonimo al posto del nome. Oppure usa un nome, ma non il tuo. Non scrivere la tua città, il tuo numero di telefono, il nome del tuo cane, il tuo numero di carta di credito. Se proprio non riesci a farne a meno, sappi che potrei censurare il tuo commento se contiene informazioni personali.
I tuoi dati verranno trattati secondo quanto descritto nella policy privacy del sito.

© 2022 Luigi

Tema di Anders NorenSu ↑